Omaggio a Rossini

Spellbound Dance Ballet

  • Sabato 19/11
  • Durata 60 min.
  • Da € 16.00 a € 23.00
  • Teatro Lorenzo Da Ponte

Omaggio a Rossini
Omaggio a Rossini è uno spettacolo di danza contemporanea della compagnia Spellbound Dance Ballet di Roma ed è diviso in 4 momenti:

UNKNOWN WOMAN
Una produzione Spellbound realizzata con il contributo del Ministero della Cultura e Regione Lazio – Dipartimento Cultura, Politiche Giovanili e Lazio creativocoproduzione con MilanoOltre e Cult!ur Partner

Per Maria,
Unknown Woman è un racconto serio ed immaginario allo stesso tempo, è un raccoglitore di memorie e di pensieri di quello che è accaduto con un’ artista importante in 20 anni di collaborazione e di condivisione. Io e lei abituati in questi 20 anni a raccontarci alcune cose segrete attraverso dei movimenti, dei portatori sani di verità, una rubrica disordinata dove ho dovuto leggere e rileggere appunti per capire la donna e l’artista.
Forse ci siamo capiti solo in una sala prove e sul palcoscenico di un teatro, ma come si fa a capire un’ artista? inseguirla è stato possibile solo con gli occhi e con il cuore, ogni altro modo ti confonde ancora di più e ogni volta devi quasi ricominciare dall’inizio, come ci ripresentassimo e ci chiedessimo per la prima volta il nome.
Non so dove finisce l’immaginazione e quanto invece ho imparato da lei in questi 20 anni.
Da sconosciuti siamo ancora in sala, ci osserviamo, ci regaliamo e ci rubiamo cose, ma ci conosciamo bene e per questo camminiamo ancora insieme. ( Mauro Astolfi)

Coreografia Mauro Astolfi
Interprete Maria Cossu
Assistente alla coreografia Alessandra Chirulli
Disegno Luci Marco Policastro
Costume Anna Coluccia
Musiche AAVV
Durata 15 minuti
_______________________________________________________________________________________________________________

A BETTER PLACE
Una produzione Spellbound con il contributo di MIC

A better place è la ricerca ideale di un posto che potrebbe rivelarsi sempre migliore.Un luogo pensato per sè ma dove poter attrarre qualcuno. Come due persone si girano attorno, si annusano e spendono tempo a cercare di provocare una reazione, laddove il comportamento desiderato è ottenuto non solo rendendolo accattivante ma spesso puntando sulla perdita dell’autonomia individuale … il posto migliore e’ solo quello dove poter scegliere autonomamente, anche se di fatto si viene guidati, il posto dove essere lo si sceglie da soli .

Coreografia e regia Mauro Astolfi
Interpreti Anita Bonavida, Mateo Mirdita
Disegno Luci Marco Policastro
Musiche AAVV
Durata 7 minuti

_______________________________________________________________________________________________________________

ASCENT
Una produzione Spellbound con il contributo di MIC

Ascent è il simbolo di un concetto di distruzione creativa, un processo di mutazione continua che rivoluziona incessantemente la struttura di un rapporto, distruggendo senza sosta quella vecchia e creando sempre un modo nuovo di vedere l’altro. E’ un’ azione circolare, libera da schemi stabiliti, che trova l’unica soluzione possibile in un pensiero divergente per evitare che la fine di una relazione non debba essere in automatico l’inizio di un’altra.

Coreografia e regia Mauro Astolfi
Interpreti Mario Laterza, Giuliana Mele
Disegno Luci Marco Policastro
Musiche AAVV
Durata 15 minuti

_______________________________________________________________________________________________________________

ROSSINI OUVERTURES
Una produzione Spellbound realizzata con il Contributo del Ministero della Culturae Regione Lazio in collaborazione con il Comune di Pesaro & AMAT

“La lettura della cronaca dell’epoca sulla vita di Gioacchino Rossini, quello che di lui dissero altri grandi compositori, in special modo Beethoven, ha acceso il mio interesse per conoscere l’aspetto psicologico dell’uomo Rossini.
Mazzini lo definì: “Un titano di potenza e di audacia, il Napoleone di un’epoca musicale”. Wagner disse che “fu il primo, vero, grande, venerabile uomo mai incontrato nel mondo della musica”.
Una personalità così potente e incredibile capace di comporre in soli 13 giorni il “Barbiere di Siviglia” mi ha letteralmente riempito la testa di suggestioni, di immagini, di simboli, di scene non legate alle singole opere del musicista, ma piuttosto un atterraggio su quel mondo, un’esplorazione per cercare, “vedere” attraverso le potenti immagini sonore di Rossini, lasciarmi trasportare da tutta quella forza e poter immaginare per un attimo di averlo conosciuto!
Rossini fu disconosciuto nell’epoca in cui il pubblico ancora si riconosceva in una produzione destinata al consumo immediato, che riflettesse le aspirazioni di una società in trasformazione; una produzione, in qualche modo, interessata al “realismo”. Oggi invece il pubblico crede meno in una produzione contemporanea e si reca a teatro principalmente alla ricerca di un’evasione estetica e insieme “culturale” dalla vita quotidiana. È verosimile che gli ideali estetici di Rossini, volti al conseguimento del sublime, si trovino in immediata sintonia con quelli “antirealistici” dello spettatore moderno.
In questa direzione, leggendo di questa storia di questo straordinario artista che improvvisamente sparisce dalle scene…come da una semplice conversazione e poi ritorna esclamando “Allora dove eravamo rimasti?” …tutto questo è in questo progetto dove Spellbound percorre la strada di un sogno fatto di tanti momenti, di tante situazioni diverse, di personaggi che tutti insieme raccontano di uomini soli, divertiti, tristi e coraggiosi, in una grande stanza bianca dove scorrono e si mescolano i sapori e i colori di una vita piena, anche di problemi, ma con il gusto di viverla questa vita …con la stessa arguzia di Rossini che inebriato dalla sua stessa creatività e dalla sua traboccante energia seduceva senza sosta… Una grande stanza bianca come un’immensa tela dove proiettare e amplificare i propri demoni e i propri desideri per poterli mostrare …ma dove tutto può essere cancellato come in una lavagna. Così come Rossini improvvisamente spariva.”

Coreografia e regia Mauro Astolfi
Musiche Gioachino Rossini
Disegno Luci Marco Policastro
Set concept Mauro Astolfi, Marco Policastro
Realizzazione scene Filippo Mancini/CHIEDISCENA Scenografia
Costumi Verdiana Angelucci
Interpreti Anita Bonavida, Maria Cossu, Mario Laterza, Lorenzo Capozzi, Giuliana Mele, Mateo Mirdita, Alessandro Piergentili, Miriam Raffone, Martina Staltari
Produzione Spellbound Dance Ballet

Sabato 19/11 21:00 Teatro Lorenzo Da Ponte Acquista
Pagamenti accettati:
Con carta di credito o debito
Visa Mastercard Maestro Amex
Con conto Paypal
PayPal